GUIDA PER L’UTILIZZO DEI BUONI DI SERVIZIO IN KALEIDOSCOPIO

Per chi intende usufruire dei buoni di servizio e vuole conoscere diritti di accesso e regolamento generale attuativo, si rimanda alle informazioni e ai relativi allegati pubblicati online sulla pagina della Provincia Autonoma di Trento. (CLICCARE QUI PER ACCEDERE)

BUONI DI SERVIZIO IN KALEIDOSCOPIO

Di seguito le modalità con cui Kaleidoscopio ha stabilito di gestire i Buoni di Servizio (BDS) nel rapporto con le famiglie richiedenti.

  1. Per ottenere l’accesso ai servizi che prevedono l’utilizzo dei BDS è necessario effettuare l’iscrizione online, accreditandosi al nostro sito http://www.kaleidoscopio.coop.

ATTENZIONE: l'accreditamento al sito deve essere effettuato con i dati del/la titolare del BDS.

  1. Una volta attivato il proprio profilo personale, sarà possibile richiedere l’utilizzo dei BDS inserendo i dati richiesti (valore ICEF, ore settimanali da contratto) nella sezione dedicata. Per maggiori dettagli è possibile consultare la Guida all’iscrizione, che raccomandiamo di leggere con cura.

ICEF e ORARIO SETTIMANALE

VALORE ICEF: prima di effettuare l’iscrizione è bene che ci si sia già recati ad un CAF per richiedere l’ICEF specifico per i BDS, calcolato sulla base dell’ultima dichiarazione dei redditi presentata. Si ricorda che per le iscrizioni effettuate entro il 30 giugno 2018 vale l’ICEF relativo ai redditi del 2016.                                                                                    A partire dal 1 luglio 2018, va richiesto il nuovo ICEF sulla base dei redditi del 2017.

ORARIO SETTIMANALE: fanno fede le ore lavorative settimanali da contratto del/la richiedente. In caso di orario particolare nelle settimane di iscrizione (concordato con il datore di lavoro in anticipo), può essere presentata allo Sportello Ad Personam una dichiarazione firmata dal datore di lavoro, in cui si specifica la variazione che subirà l’orario in concomitanza con il periodo di iscrizione.

ESEMPIO: all’atto dell’iscrizione si ha un contratto di 18 ore settimanali, ma si sa già che nelle settimane in cui il proprio figlio è in attività aumenteranno a 36 ore settimanali. Si può dichiarare quest’ultimo valore solo se accompagnato dalla dichiarazione specifica.

 

CALCOLARE BENE I TEMPI

La Provincia elabora periodicamente un elenco degli aventi diritto all’utilizzo del Buono di Servizio. Questa graduatoria esce mensilmente, a partire circa dalla metà del mese successivo a quello in cui sono stati raccolti i progetti presso la Struttura Multifunzionale Ad Personam.

Questo aspetto è molto importante e va tenuto bene in considerazione per potersi organizzare con i tempi delle iscrizioni.

ESEMPIO: la settimana di colonia a cui si è interessati inizia il 7 luglio. Si dovrà consegnare il progetto presso la struttura Ad Personam entro il 31 maggio, in modo da risultare nella graduatoria per la fruizione del Buono di Servizio che verrà pubblicata a metà giugno circa (consegnando il progetto oltre il 31 maggio si rientrerebbe nella graduatoria di luglio, perdendo di fatto il finanziamento della settimana di colonia acquistata).

Si consiglia pertanto di consegnare tutta la documentazione:

  • Entro la fine di aprile se ci si intende iscrivere alle attività di giugno.
  • Entro la fine di maggio se ci si intende iscrivere alle attività di luglio.
  • Entro la fine di giugno se ci si intende iscrivere alle attività di agosto/settembre.

 

  1. Nel momento in cui i campi della sezione BDS risultano compilati, il sistema considererà automaticamente sul carrello che si andrà a produrre con l’acquisto di una o più settimane, la quota di contributo previsto dal BDS in base ai criteri definiti nelle modalità attuative stabilite dalla Provincia Autonoma di Trento.

La cooperativa Kaleidoscopio, per andare incontro alle famiglie, ha deciso di richiedere in fase di pagamento solo la quota a carico della famiglia anziché l’intero importo dovuto. La parte rimanente verrà saldata dalla Provincia all’avvenuta rendicontazione del BDS, a fronte della presentazione del registro presenze, dei documenti dell’intestataria e della dichiarazione di fine attività completati in ogni loro parte.

  1. Una volta effettuata l’iscrizione, il richiedente ha la responsabilità di prendere appuntamento presso uno degli sportelli territoriali di Kaleidoscopio, per ritirare il progetto di erogazione del servizio come descritto nella Guida all’iscrizione.

In sede di ritiro progetto non è possibile variare in alcun modo l’iscrizione alle attività prenotate.

DOCUMENTO DI IDENTITÀ

Ricordiamo che al momento del ritiro del progetto, il richiedente del BDS deve aver già caricato online nell’apposita sezione copia della carta d’identità. Nel caso fosse impossibilitato a farlo per ragioni tecniche, viene considerata valida anche la fotocopia cartacea. 

  1. Il progetto di erogazione del servizio, firmato e compilato in ogni sua parte dai responsabili di Kaleidoscopio, va consegnato presso la Struttura Multifunzionale Ad Personam (Sedi e orario di apertura). Chi desiderasse informazioni specifiche può contattare direttamente la Struttura al numero verde 800163870.

Il progetto va allegato alla DOMANDA DI BUONO DI SERVIZIO che a partire dal 1° novembre 2017 deve essere redatta tramite procedura online (guida alla procedura).

  1. Dalla consegna del progetto presso la Struttura ad Personam in poi, sarà Kaleidoscopio ad occuparsi direttamente della pratica (controllo della graduatoria mensile, ritiro del registro presenze, comunicazioni di inizio attività, ecc.), segnalando solo eventuali problemi nell’accettazione della domanda. Ci si può sempre accertare dello stato della pratica telefonando direttamente al numero verde della Struttura 800163870.
  2. È responsabilità dell’intestatario del BDS o dei delegati (regolarmente iscritti nel sistema) firmare giornalmente il registro di presenza. La presenza del bambino in attività dà diritto alla firma per quella giornata; se il bambino non è presente, si genera un’assenza.

DELEGHE

Ai fini dell’utilizzo del BDS anche il padre dei bambini viene considerato un delegato, perché l’intestataria può essere solo la madre lavoratrice (a meno che il padre non costituisca un nucleo mono famigliare).

  1. Al termine dell’attività il richiedente ha la responsabilità di compilare la dichiarazione di conciliazione. Si tratta di un’autocertificazione in cui vanno dichiarate le ore di lavoro effettivamente svolte nel periodo di utilizzo del Buono di Servizio.

Per beneficiare appieno della parte di quota che al momento dell’iscrizione viene indicata a carico della Provincia Autonoma di Trento, è necessario essere sempre presenti al lavoro nel periodo di utilizzo del Buono di Servizio, o comunque non prendere giornate di ferie o di permesso non retribuito.

Nel caso ciò accadesse, andrà tenuto conto, perché tali ore devono essere scalate dal monte ore totale finanziato.

  1. Finita l’attività la Cooperativa controlla il BDS; ciò significa che si verifica:
  • che sul registro ci siano tutte le firme relative ai giorni di presenza;
  • che i delegati abbiano sempre scritto in stampatello vicino alla propria firma il nome e il cognome e che questi siano regolarmente inseriti nel sistema di iscrizione;
  • che la dichiarazione di conciliazione sia coerente con quanto dichiarato in fase di richiesta del BDS;
  • che non ci siano assenze rispetto al monte ore richiesto nel progetto di erogazione;
  • che sia stato caricato online il file della carta d’identità della richiedente, o vi sia in alternativa copia cartacea.

ASSENZE

Qualora ci fossero delle assenze, si verrà contattati da un operatore del nostro sportello e successivamente sul sistema di iscrizione verrà caricato l’importo integrativo da saldare come da punto 14) del regolamento.

  1. Se tutte le condizioni al punto 9) sono soddisfatte, il progetto viene rendicontato: il BDS risulta ufficialmente chiuso e la Provincia salda a Kaleidoscopio la quota che non è stata richiesta alla famiglia in fase di pagamento.
DOMANDE FREQUENTI

A cosa mi vincola l’utilizzo del Buono di Servizio in attività?

L’utilizzo del BDS vincola la frequenza del minore all’attività e alla frequenza al lavoro di entrambi i genitori. Richiede anche un certo impegno nel rispettare le seppur semplici regole che sono stabilite (firme sul registro presenza, dichiarazioni documenti…) Se il bambino dovesse risultare assente o il genitore in ferie o in permesso non retribuito non sarà possibile firmare il registro di presenza e risulterà quindi un’assenza. L’assenza dovrà essere pagata dal genitore come stabilito nei punti 8) e 14) del regolamento.

Ma vale la pena richiederlo?

In termini economici sì. In termini di vincoli è bene averli chiari ed ognuno ne valutera l'opportunità.

Perché devo pagare l’assenza?

Devi pagare l’assenza perché in fase di pagamento del servizio la cooperativa Kaleidoscopio ti chiede di pagare solo la quota a tuo carico. La quota a carico della Provincia ci viene data solo a fronte della presentazione della documentazione che attesti la presenza del minore in attività e la frequenza al lavoro dell’intestatario del BDS. In caso mancasse tale documentazione l’importo relativo alle ore mancanti NON viene più dato dalla Provincia a Kaleidoscopio.

E se devo assentarmi un giorno dal lavoro?

L’importante è che tu non richieda ferie o permessi non retribuiti. Se ti è possibile assentarti dal lavoro utilizzando solo i permessi retribuiti oppure la flessibilità contrattuale, questo ti consente di non considerarla come un’assenza dal lavoro e quindi firmare comunque il registro di presenza.

E se annullo un’intera settimana durante le colonie?

Per quanto riguarda il funzionamento dei BDS dovresti pagare il corrispettivo del costo dell’intera settimana di attività Per la regolamentazione specifica in caso di annullamento di attività rimandiamo al regolamento.

Dove sono i vostri sportelli territoriali?

I nostri sportelli territoriali sono:

  • c/o il centro Spazio Aperto, Via Don Dallafior, 2, 38123 – Povo (TN). Tel 0461.816047
  • c/o il centro Open, in via Zucali, 29 – Romeno. Tel 0463.875255
  • c/o Casa Zambiasi, via Dante Alighieri, 10 – Denno. Tel 0461.655609
  • c/o il centro Kaos, in Via Rotaliana, 53 – Mezzolombardo. Tel 0461.602428